string(8) "sCultura"
Veduta panoramica sopra Bolzano in una giornata estiva di sole

Le compagnie degli Schützen

A Bolzano ci sono due compagnie di Schützen: Schützenkompanie Bozen e Schützenkompanie "Mjr. Josef Eisenstecken" Gries. La missione degli Schützen è l’amore per la patria e per la gente; la compagnia si pone l’obiettivo di operare in solidarietà per un vivere comune.

Gli Schützen (bersaglieri tirolesi) erano un tempo una milizia volontaria asburgica, volta alla difesa del Tirolo tra il 1511 e il 1918. Grazie all’impegno dimostrato durante la Grande Guerra, gli Schützen ricevettero nel 1917 il titolo di Kaiserschützen (bersaglieri imperiali).

Gli Schützen furono introdotti ufficialmente sotto il regno di Leopoldo I d’Asburgo (1700 ca.). In precedenza, in Tirolo, esisteva invece una struttura difensiva chiamata Landesverteidigung (difesa territoriale tirolese). Questa nacque in seguito a un privilegio che Massimiliano I concesse ai principati di Trento e Bressanone, il Libello dell’Undici (1511). Il trattato sanciva l’esenzione dall’obbligo d’intervento militare al di fuori del Tirolo. Gli abitanti del posto dovevano tuttavia impegnarsi per la difesa del territorio; l’intervento militare poteva avvenire in qualsiasi momento attraverso una chiamata di leva volontaria. Nel 1704, sotto il regno di Leopoldo I, il Libello del 1511 fu emendato nuovamente, favorendo il costituirsi di 12 compagnie di tiratori scelti e tiratori al bersaglio.

Sin dal passato gli Schützen dimostrano particolare attenzione alla cura del costume tradizionale, riprodotto fedelmente secondo i criteri storici.

Oggi nel Tirolo Austriaco, nel Trentino Alto Adige, nell’Ampezzano e nel Livinallese esistono diverse associazioni folkloristiche ispirate agli Schützen. Esse ne portano il nome e ne condividono i valori primari, quali la tutela del territorio e il forte legame con la gente del posto.

Per ulteriori informazioni:
www.skbozen.com
www.skgries.com